Su Banca Mps torna l'ipotesi Poste Italiane - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Su Banca Mps torna l'ipotesi Poste Italiane

Su Banca Mps torna l'ipotesi Poste Italiane

Il dossier Banca Mps è entrato nell'agenda del governo. Anche se in queste settimane l'attenzione resta concentrata sulla manovra finanziaria, nell'esecutivo si è iniziato a discutere del futuro della banca senese.

La prima mossa, si legge su MF, sarà probabilmente una rivisitazione della governance con qualche passaggio di consegne in Cda. A lasciare la poltrona ad esempio potrebbe essere il vice presidente Antonino Turicchi, che dovrebbe lasciare il posto a una figura vicina al nuovo governo. Meno scontata è la sostituzione dell'a.d. Marco Morelli che pure, con senso di responsabilità, avrebbe messo il mandato a disposizione dell'azionista pubblico. A suggerire prudenza al ministro dell'Economia Giovanni Tria non è solo l'attenzione che Bce e Commissione Europea riservano al Monte, ma anche l'oggettiva difficoltà di individuare candidati disponibili e in possesso dei requisiti.

Se la rivisitazione della governance occuperà via XX Settembre nelle prossime settimane, più lenta sarà la gestazione di altri progetti. Entro la metà del 2019 ad esempio l'azionista pubblico dovrà presentare a Bruxelles un piano per l'uscita dal capitale della banca. Al momento i progetti in merito sono ancora in fase molto larvale, ma qualche idea ha già iniziato a circolare. Starebbe ad esempio riprendendo quota l'ipotesi di coinvolgere BancoPosta, la struttura di Poste I. che si occupa della raccolta del risparmio.

L'idea sarebbe coerente con l'obiettivo di dar vita a una banca degli italiani, un istituto a controllo pubblico in grado di assistere famiglie e Pmi. Anche se non c'è ancora alcun dossier aperto, Poste potrebbe partecipare a un aumento di capitale riservato di Mps conferendo il patrimonio segregato di BancoPosta. In questo modo Poste (che non è una banca e non intende diventarlo) conservebbe la propria autonomia, mentre Siena avrebbe modo di irrobustire il capitale e fare un consistente salto dimensionale, consentendo anche la graduale uscita del Tesoro.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.