Read e Butcher (Invesco): Amiamo le banche italiane. Impressionati da UniCredit e Intesa - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Read e Butcher (Invesco): Amiamo le banche italiane. Impressionati da UniCredit e Intesa

Read e Butcher (Invesco): Amiamo le banche italiane. Impressionati da UniCredit e Intesa

Amiamo molto le banche italiane, in particolare UniCredit e Intesa, rispettivamente al 2,01% e all’1,25% del nostro portafoglio. Abbiamo conosciuto il senior management di questi due istituti e ci ha impressionato la maniera in cui stanno gestendo i processi di pulizia dei crediti deteriorati, la qualità delle nuove acquisizioni e il patrimonio immobiliare, ora che il real estate sta ripartendo”.

Un simile sostegno ai due principali istituti di credito italiani è stato espresso dai gestori Paul Read (bond) e Stephanie Butcher (equity), responsabili dell’Invesco Pan European High Income A Acc EUR, 3° miglior multiasset prudente su 102 distribuiti in Italia con una performance del 9,1% negli ultimi tre anni (contro una media dell’1,4%).

L’11% delle nostre posizioni è in Italia. Oltre UniCredit e Intesa nelle nostre prime dieci posizioni obbligazionarie figurano ad esempio anche un 2,20% di debito sovrano e un 1,24% di emissioni di Enel” precisa Paul Read (qui di seguito in foto), co-head of fixed interest di Invesco.

Temere gli Npl di per sé è una posizione che aveva senso anni fa, non ora. Oggi bisogna considerare l’incredibile miglioramento fatto negli ultimi anni” aggiunge Butcher (in foto sotto), che in Invesco è specialista per l’equity europeo. “Proprio sugli asset dubbi ci sono le grandi opportunità in cui una gestione attiva può esprimere il suo valore e non ho la sensazione di ridurre la qualità del mio portafoglio prendendo queste posizioni. Il comparto equity in Europa poggia su tantissimi settori: non è catalizzato dal settore tecnologico come negli Stati Uniti”.

“Ormai è superato il concetto di azionario come asset rischioso e obbligazionario come asset stabile: le fibrillazioni oggi arrivano proprio dal reddito fisso, volatile, come ha dimostrato l’innalzarsi improvviso dello spread bund-btp legato al nuovo Esecutivo italiano e la conseguente pressione sul settore obbligazionario privato nazionale: corporate bond che in Sud Europa significa essenzialmente comparto bancario”.

L’economia europea, comunque, non potrà che avere un beneficio da un progressivo rialzo dei tassi di interesse” conclude Paul Read

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.

Gestori

Paul Read
Paul Read
6/70 di Multi Asset Prudenti EUR (Performance su un periodo di 3 anni) Ritorno medio: 11,80%
Stephanie Butcher
Stephanie Butcher
18/19 di Europa escluso Regno Unito (Performance su un periodo di 3 anni) Ritorno medio: 10,17%