Provvigioni per il broker assicurativo durante l’intero rapporto con il cliente - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Provvigioni per il broker assicurativo durante l’intero rapporto con il cliente

Provvigioni per il broker assicurativo durante l’intero rapporto con il cliente

 di Fausto Fasciani

Per la Cassazione il broker assicurativo  ha sempre  diritto alle provvigioni nel corso dell’intero  rapporto con il cliente. Questo principio è stato affermato da una recentissima sentenza emessa dalla Suprema Corte (25167/2018) che sulla base dell’attività di consulenza svolta dai broker  mette  in evidenza la differenza tra l’attività di quest’ultimo  e di  quella dell’agente. 

Il caso

La vicenda processuale nasce all’inizio degli anni ’90 quando una società di brokeraggio assicurativo cita per danni un importante Comune con il quale aveva stipulato nel 1987 una convenzione che prevedeva il compimento di studi di fattibilità su coperture assicurative del patrimonio immobiliare dell’ente. Non solo, la convenzione  riconosceva che la società potesse svolgere la  sua intermediazione per la stipula di polizze per le quali l’amministrazione comunale aveva la facoltà di accettare o meno.

     La società, solo per il tramite notizie di stampa, veniva però a  conoscenza del fatto che  il Comune, sulla base dei criteri approntati da lei stessa, aveva assicurato l’intero patrimonio immobiliare con una primaria compagnia assicurativa italiana senza avvalersi della sua intermediazione. Di conseguenza, chiedeva la risoluzione della convenzione ed il risarcimento dei danni pari al compenso dovuto in quanto broker.

   Il tribunale in primo grado rigettava la domanda che però veniva in parte confermata dalla Corte d’Appello. Veniva così adita la  Cassazione da entrambe le parti  che concludeva  rigettando  i ricorsi.

La società di brokeraggio non si arrende

La società, però, nel 2008 tornava all’attacco chiedendo questa volta  il risarcimento dei danni derivati dall’inadempimento dell’amministrazione all’obbligo di avvalersi dell’opera della società di brokeraggio per i rinnovi della polizza. Dopo i due gradi di giudizio che davano torto alla società questa ricorreva in Cassazione.

    I giudici della Suprema Corte facevano presente che la convenzione originaria riconosceva al broker “la facoltà di farsi da tramite con le compagnie contraenti per la realizzazione delle soluzioni dalla medesima prospettate”. La Cassazione stabilisce  che questa clausola vada interpretata tenendo conto dell’attività professionale del broker in cui l’intermediazione riguarda sia la conclusione del contratto, sia la collaborazione per la gestione ed esecuzione e quindi consiste anche nell’assistenza e consulenza nell’esecuzione del rapporto assicurativo Pertanto il broker ha diritto alla provvigione anche per i rapporti in corso.

Broker e agente due mondi distinti

    La Corte quindi mette in evidenza la differenza di funzioni tra il broker e l’agente. Quest’ultimo, spiegano gli Ermellini, è un intermediario  che opera al fine di favorire la conclusione del contratto al contrario del broker la cui attività consiste anche nell’assistenza durante l’esecuzione e la gestione contrattuale. Facendo quindi riferimento sia alla legge 792/1984 che al codice delle assicurazioni private la Cassazione giunge alla conclusione che il roker oltre ad una attività imprenditoriale di mediatore di assicurazione  e riassicurazione svolge anche un’attività intellettuale con l’assicurando analizzando i modelli presenti sul mercato, rapportandoli alle esigenze del cliente allo scopo di riuscire ad ottenere una copertura assicurativa il più possibile aderente  a tali esigenze e, in generale, mirando a collocarne i rischi  nella maniera   e alle condizioni più convenienti per lui.

    Su questa base la cassazione ha accolto il ricorso della società di brokeraggio. 

   L'avvocato Fausto Fasciani del Foro di Roma opera nei settori del diritto del lavoro e di quello dei mercati finanziari  

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.