Pir, Castiglioni (Dws) interviene sulla proposta di nuovo vincolo ai portafogli - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Pir, Castiglioni (Dws) interviene sulla proposta di nuovo vincolo ai portafogli

Pir, Castiglioni (Dws) interviene sulla proposta di nuovo vincolo ai portafogli

La proposta approvata dalla commissione Bilancio della Camera di inserire un vincolo aggiuntivo nella composizione del portafoglio dei Pir (investire il 3% del capitale raccolto in titoli non negoziati nei mercati regolamentati) - che potrebbe valere 400 milioni di euro - comincia a generare dibattito.

Secondo Mauro Castiglioni (in foto), responsabile italiano della casa di gestione Dws, "l'iniziativa è lodevole ma va ben ponderata".

"Se infatti si capisce lo spirito positivo della proposta mi sembra opportuno coinvolgere l'industria in questo dibattito, ad esempio a livello di Assogestioni".

"I Pir hanno lo scopo di far affluire risorse al sistema economico italiano e oggi, a quasi due anni dal lancio, possiamo dire che hanno funzionato: in un 2018 complesso per i mercati azionari di tutto il mondo la Borsa italiana ha retto meglio ad esempio di quella tedesca" conferma Castiglioni, che oltre a osservatore esperto dell'industria è anche protagonista del settore col fondo Dws Multi Asset Pir (215 milioni di euro di patrimonio e l'1,2% del mercato).

"Tutti i vincoli che si mettono a prodotti con liquidità giornaliera - soprattutto se coinvolgono attività illiquide - vanno visti con particolare cautela. Una tale evoluzione potrebbe essere più adatta a prodotti chiusi o di natura previdenziale".

"Non togliamo al patrimonio dei Pir il loro giusto margine di diversificazione". 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.