Neuberger lancia tre nuovi fondi anche in Italia. E guarda ai bond governativi tricolore - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Neuberger lancia tre nuovi fondi anche in Italia. E guarda ai bond governativi tricolore

Neuberger lancia tre nuovi fondi anche in Italia. E guarda ai bond governativi tricolore

Neuberger Berman, società di gestione indipendente non quotata e interamente controllata dai propri dipendenti, ha lanciato tre nuovi fondi obbligazionari registrati anche in Europa, Italia compresa.

Le tre strategie saranno gestite dal nuovo team obbligazionario basato a Parigi e guidato da Patrick Barbe (in foto), ex  chief investment officer - euro sovereign & aggregate fixed income di Bnp Paribas Asset Management, dove era responsabile della gestione di circa 50 miliardi di euro.

Nello specifico si tratta di tre fondi Ucits obbligazionari: Neuberger Berman Euro Short Term Enhanced Cash Fund, Neuberger Berman Euro Opportunistic Bond Fund e Neuberger Berman Euro Bond Absolute Return Fund.

Più nel dettaglio, il fondo Neuberger Berman Euro Short Term Enhanced Cash ha l’obiettivo di sovraperformare l’indice monetario di riferimento dell’1% su un orizzonte di investimento di un anno con una volatilità massima dell’1%.

Il fondo Neuberger Berman Euro Opportunistic Bond ha l’obiettivo di sovraperformare l’indice Bbg Euro Aggregate dell’1%, su un orizzonte temporale di tre anni, mediante un approccio ad alta convinzione, con una volatilità massima del 4% e una duration che può variare tra i +2 e +8 anni.

Il fondo Neuberger Berman Euro Bond Absolute Return, infine, ha l’obiettivo di sovraperformare un indice del mercato monetario del 3,5% su un orizzonte temporale di tre anni, indipendentemente dalle condizioni di mercato, con una volatilità massima del 6%. La duration del fondo può variare da -3 anni a +6 anni.

"Sui mercati in euro privilegiamo una duration corta sui tassi dei Paesi core e semi-core e limitiamo l'esposizione sul segmento a lungo termine delle curve dei rendimenti. Inoltre, abbiamo iniziato a riacquistare credito dal momento che è previsto il graduale ritiro del programma di quantitative easing", ha sottolineato Barbe, "in chiave tattica, riteniamo che i titoli di Stato italiani siano ora su livelli interessanti e, nel medio termine, giudichiamo senz'altro eccessivi i timori di un forte aumento dei rendimenti obbligazionari e degli spread legati alla graduale liquidazione delle posizioni della Bce in questi mercati”. 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.