Mossa (Banca Generali): non stiamo riducendo il peso dell’Italia - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Mossa (Banca Generali): non stiamo riducendo il peso dell’Italia

Mossa (Banca Generali): non stiamo riducendo il peso dell’Italia

Espandersi in Svizzera per dare slancio allo sviluppo internazionale continua a essere una delle direttrici dell’azione dell’a.d. di Banca Generali, Gian Maria Mossa (in foto), che già a febbraio evidenziava come, con la fine del segreto bancario, si fosse di fatto aperto l’importante mercato elvetico.

“Raggiungere nuovi clienti con risparmi in Svizzera e offrire ulteriore diversificazione alla nostra clientela mantenendo i servizi di investimento, la relazione e le radici in Italia” ha precisato in un’intervista a Il Sole 24 Ore, sottolineando come la confederazione di cantoni rappresenti un mercato da 7,3 miliardi di franchi, in crescita del 10% annuo, ora che è libera dai “rischi reputazionali che storicamente si è portata dietro”.

Riguardo alla situazione italiana, l’amministratore delegato ha aggiunto: “non stiamo certo cambiando l’asset allocation, non stiamo riducendo il peso dell’Italia; continuiamo a monitorare attentamente la diversificazione su scala globale. (...) Abbiamo appena acquistato una società italiana (Nextam Partners, ndr) perché crediamo nelle potenzialità del Paese”.

“Fino a pochi mesi fa gli investitori compravano il debito italiano con lo spread meno allettante a 120 punti e il Paese allora non era poi così diverso da quello di oggi”.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.