Consulenti e scf indipendenti, ecco chi rischia di non essere iscritto subito nell'Albo Unico - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Consulenti e scf indipendenti, ecco chi rischia di non essere iscritto subito nell'Albo Unico

Consulenti e scf indipendenti, ecco chi rischia di non essere iscritto subito nell'Albo Unico

I consulenti finanziari indipendenti, che hanno atteso per circa un decennio l'avvio dell'Albo unico di categoria, rischiano ora di non essere iscritti fin da subito nel nuovo elenco gestito da Ocf.

L'ultima proroga per continuare a esercitare la professione (in attesa dell'iscrizione al registro) scade proprio con l’avvio della piena operatività dell'Organismo di vigilanza e tenuta dell'Albo unico dei consulenti finanziari, previsto per lunedì 3 dicembre, come sottolineato da Gianfranco Ursino su Plus24.

La presidente Ocf, Carla Rabitti Bedogni (in foto), aveva già da tempo sollevato la necessità di svolgere in anticipo le istruttorie di iscrizione delle nuove sezioni (cf e scf indipendenti operativi a novembre 2007, ndr), per cui sono necessari 180 giorni.

Chi sta presentando domanda in questi giorni - e sono la maggior parte degli interessati (c'è tempo per presentare le domande fino al 30 novembre, ndr) - rischia di essere già fuori i tempi necessari per l'iscrizione dal 3 dicembre. E, in teoria, questi consulenti finanziari non potrebbero operare fino all'avvenuta iscrizione all'Albo. 

 

 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.