Via a un nuovo etf firmato da Ubs Am - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Via a un nuovo etf firmato da Ubs Am

Via a un nuovo etf firmato da Ubs Am

Il 27 aprile scorso è stato quotato su Borsa Italiana l’UBS (Irl) ETF plc – MSCI USA Select Factor Mix UCITS ETF (hedged to EUR) A-acc, che si affianca al prodotto multi-fattoriale senza la copertura di cambio quotato a luglio del 2017 e che ha raccolto più di 1 miliardo di dollari in meno di un anno.

I due ETF offrono la possibilità – con o senza la copertura dal rischio di cambio – di accedere a 2.250 società quotate americane, tra large, mid e small cap, combinando ben sei diversi fattori: Momentum, Prime Value, Quality, Total Shareholder Yield, Low Volatility e Size. I sei fattori sono equi ponderati e il ribilanciamento dell’indice è su base trimestrale con distribuzione dei dividendi, per l’ETF a cambio aperto, ogni sei mesi. La metodologia di replica adottata da UBS è quella fisica completa.

Il 27 aprile sono stati inoltre quotati altri due ETF di UBS Asset Management:

  • UBS ETF – MSCI EMU UCITS ETF (EUR) A-acc, che si differenzia dall’EMU già esistente in quanto i dividendi non vengono distribuiti ma accumulati;
  • UBS (Irl) ETF plc – MSCI Australia UCITS ETF (hedged to EUR) A-acc, che permette di esporsi al settore azionario australiano con la copertura dal rischio di cambio Euro/AUD, coprendo circa l’85% della capitalizzazione di mercato del Paese.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.
Cover Stars

Baldassarri (F&F), consulenza di famiglia: perché lo studio associato è il futuro della professione

Baldassarri (F&F), consulenza di famiglia: perché lo studio associato è il futuro della professione

Il mondo della consulenza è in fermento. L’introduzione della persona giuridica per i soggetti abilitati a svolgere l’attività di consulenza fuori sede rappresenta uno degli snodi principali per i consulenti. Ne abbiamo parlato con Anna Baldassarri.

Continua a leggere
Citywire Italia on Twitter