SdR18, Ivascyn (Pimco): Politica monetaria meno accomodante? La volatilità aumenterà - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati per ottenere accesso illimitato al dabase di gestori di Citywire. La registrazione è gratuita e richiede solo un minuto.

SdR18, Ivascyn (Pimco): Politica monetaria meno accomodante? La volatilità aumenterà

SdR18, Ivascyn (Pimco): Politica monetaria meno accomodante? La volatilità aumenterà

La gestione del rischio. È questo uno degli ingredienti più importanti nella ricetta di Dan Ivascyn per il fondo Income di Pimco. Il Cio della casa di gestione di Newport Beach è intervenuto al Salone del Risparmio durante un incontro in cui ha tracciato le linee guida della sua strategia di investimento, specialmente per quel che riguardo uno dei fondi obbligazionari globali più popolari tra gli investitori.

Il capo dei gestori di Pimco, che vanta al momento un rating AA di Citywire, racconta: “I clienti quando si tratta di reddito fisso non vogliono sorprese o volatilità. La gestione del rischio, quindi, è probabilmente l’aspetto più importante della nostra gestione. Nel 2006-2007 siamo stati tra i più cauti quando si è trattato di predire l’andamento dei fondamentali economici. Oggi diamo la stessa importanza a questo aspetto”.

Ma i bond sono alle prese di nuovo con l’orso? “È perfettamente normale aspettarsi che i tassi d’interesse salgano alla fine di un ciclo economico”, spiega Ivascyn, “ma la prossima volta che avremo un rallentamento economico vedremo i tassi d’interesse abbassarsi di nuovo”.

Negli ultimi tempi la volatilità nell’economia globale è quasi inesistente, commenta il gestore, mentre le banche centrali detengono attualmente nei loro bilanci titoli per più di 20 trilioni di dollari statunitensi. Tuttavia, avverte Ivascyn, “con le banche centrali che stanno iniziando a invertire questa politica accomodante, ci aspettiamo che la volatilità aumenti”.

Il manager si è poi soffermato sulla strategia Income, di cui è co-gestore insieme ad Alfred Murata: “Oltre a creare rendimento, cerchiamo di preservare il capitale. Non usiamo il benchmark per misurare il rischio o per costruire il portafoglio, il che incrementa la possibilità di inviduare opportunità. Il portafoglio non mai stato così diversificato come oggi”, anche perché, aggiunge, “crediamo che la maggior parte dei settori sia valutata stabilmente, e non abbiamo scelte di investimento preferite”.

Qualche preferenza, tuttavia, c’è: “Abbiamo una visione neutrale del dollaro americano, mentre negli ultimi mesi abbiamo abbassato la nostra esposizione sul credito e poi siamo positivi sugli MBS non-agency statunitensi”. Per quanto riguarda i mercati emergenti, una delle “piazze” preferiti del gestore è il Messico, perché non ha accusato nulla di quanto si temeva con la nomina di Donald Trump. “Ci piace poi l’Arabia Saudita, ma riteniamo in ogni caso che i mercati emergenti siano un fattore che dovrebbe aumentare la diversificazione, e non punteremo mai esclusivamente su di loro”.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.
Cover Stars

Salvatore Gaziano (SoldiExpert), questo non è un Paese per cf indipendenti

Salvatore Gaziano (SoldiExpert), questo non è un Paese per cf indipendenti

Salvatore Gaziano, prima di essere un consulente indipendente, è un innovatore. Nella sua “vita precedente” è stato un giornalista che ha lavorato per importanti testate finanziarie (che oggi non ci sono più) proprio negli anni del boom dei mercati.

Continua a leggere
Citywire Italia on Twitter