Protagonisti - Gentilucci: la previdenza è zoccolo duro di un portafoglio - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati per ottenere accesso illimitato al dabase di gestori di Citywire. La registrazione è gratuita e richiede solo un minuto.

Protagonisti - Gentilucci: la previdenza è zoccolo duro di un portafoglio

Protagonisti - Gentilucci: la previdenza  è zoccolo duro di un portafoglio

                                              DOMANDA

Come si sta evolvendo il bisogno di integrazione previdenziale da parte della clientela? Quali strumenti previdenziali privilegiate per venire incontro alle esigenze delle diverse tipologie di clienti e come li inserite nel portafoglio?

                                                          _ _ _

                                                L'INTERVENTO

di Luca Gentilucci (in foto), consulente finanziario di Macerata (Mc)

Creare un’integrazione alla pensione pubblica, è una delle priorità delle famiglie italiane, se le stesse ne avessero contezza. Per molte persone la previdenza complementare è argomento totalmente ignoto: ricorre ancora spesso la frase “risparmio perché non si sa mai “, anche se ormai sappiamo tutto molto bene. Il risultato sono miliardi fermi in liquidità, nessuna creazione di valore e soprattutto nessuna organizzazione delle risorse.

Con l’avvento delle prime buste arancioni sembra muoversi qualcosa e forse il vettore più efficiente, la paura, comincia a sortire i sui effetti. I dati riferiti a nuove adesioni sembrano crescere rispetto allo scorso anno anche se i numeri sono ancora troppo bassi.

Credo che la previdenza sia lo zoccolo duro di un portafoglio, la base imprescindibile dalla quale partire nella costruzione di futuri asset,  soprattutto per le nuove generazioni che hanno masse finanziarie molto esigue. Prima costruiamo il loro futuro e poi pensiamo al resto.

Le forme possono essere diverse, principalmente Fondi aperti e, in qualche caso, il buon vecchio Piano di Accumulo (PAC).  Non esiste  un problema di prodotto, quanto di approccio al problema .

Quello che, secondo me, deve essere  imprescindibile è la nostra capacità di consulenti di trovare la soluzione più idonea all’esigenza del nostro cliente, studiando con lui e per lui il percorso da seguire ed apportando, se del caso, gli opportuni cambiamenti con la massima trasparenza e chiarezza.

 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.