Prometeia: dal 2019, i consulenti finanziari rischiano di perdere fino al 19% dei margini - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Prometeia: dal 2019, i consulenti finanziari rischiano di perdere fino al 19% dei margini

2 Commenti
Prometeia: dal 2019, i consulenti finanziari rischiano di perdere fino al 19% dei margini

Oltre un quarto delle masse gestite in Italia - soprattutto se concentrate su fondi obbligazionari e bilanciati - presentano un rendimento netto negativo, nonostante un risultato lordo positivo, secondo una ricerca Prometeia, parzialmente anticipata a La Repubblica.

E il dato emergerà a gennaio 2019 quando, in virtù delle norme contenute nella direttiva europea MiFID2, i consulenti finanziari e private banker dovranno esplicitare ai clienti i rendimenti e i costi precisi di ogni investimento.

"Il 27% dei fondi del nostro Paese ha una struttura di costi non coerente con il rendimento atteso delle asset class su cui vengono realizzati gli investimenti" ha segnalato al giornale Sebastiano Mazzoni Perelli, director e reponsabile dell'area wealth & asset management di Prometeia.

La ricerca ipotizza poi alcuni scenari, comprese ipotesi drammatiche per l'industria in cui le commissioni si abbasseranno di ben 21 punti base per i consulenti finanziari (passerebbero da 112 pb - l'1,12% di margine unitario medio sulla generalità dei prodotti - a 81 punti base, con una perdita del 19%) e di 7 per le banche (impatto più contenuto perchè i margini già oggi più bassi).

La stessa Prometeia ritiene però più verosimile una perdita da 4 a 9 punti base sui margini unitari medi.

"Per recuperare marginalità banche e reti spingeranno verso servizi di consulenza fee on top, incentivando un supporto tecnico che dai soli investimenti finanziaria arrivi a occuparsi anche di gestioni immobiliari e assicurative" ha proseguito Mazzoni.

La sorpresa, in realtà, è che la ricerca segnali alla fine un'ulteriore crescita dei ricavi dell'industria del wealth management, pari a un notevole 14-17% per il triennio 2018-20. La causa? Il costante spostamento di enormi masse dai titoli di Stato e dalle obbligazioni bancarie verso il risparmio gestito. 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.
Cover Stars

Baldassarri (F&F), consulenza di famiglia: perché lo studio associato è il futuro della professione

Baldassarri (F&F), consulenza di famiglia: perché lo studio associato è il futuro della professione

Il mondo della consulenza è in fermento. L’introduzione della persona giuridica per i soggetti abilitati a svolgere l’attività di consulenza fuori sede rappresenta uno degli snodi principali per i consulenti. Ne abbiamo parlato con Anna Baldassarri.

Continua a leggere
Citywire Italia on Twitter