Pir, chi sta dominando il prodotto rivelazione dell'anno - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati per ottenere accesso illimitato al dabase di gestori di Citywire. La registrazione è gratuita e richiede solo un minuto.

Pir, chi sta dominando il prodotto rivelazione dell'anno

1 Comment
Pir, chi sta dominando il prodotto rivelazione dell'anno

Société Générale e Banca Mediolanum, nel primo trimestre dell’anno, sono le due società che si sono spartite la fetta più grossa del mercato dei Pir.

Stando agli ultimi numeri pubblicati da PwC all’interno del report sullo stato attuale del risparmio gestito italiano, i due gruppi guidano la classifica dei player sia in termini di patrimonio investito che di raccolta.

Nei primi tre mesi dell’anno, il gruppo francese – presente in Italia con Lyxor – ha raccolto 388 milioni di euro, mentre la banca fondata da Ennio Doris ha evidenziato 296 milioni di flussi in entrata. Seguono Eurizon (222 milioni), Pioneer (80) e Arca (80). Restano distanti Anima (11) e Banca Sella (3), mentre Zenit sgr ed Ersel sono in territorio negativo (rispettivamente a 3 e 13 milioni).

A livello di patrimonio investito invece, è Banca Mediolanum a vantare il primo posto della graduatoria con 891 milioni di euro, mentre Société Générale ha chiuso marzo con 438 milioni di euro di asset. Il terzo posto è sempre occupato da Eurizon (225), seguita da Ersel (94), Pioneer (81), Arca (80), Zenit sgr (60), Banca Sella (43) e Anima (11).

Al momento, la società di Basiglio ha nella sua offerta fondi Pir, Flessibile Sviluppo Italia e Flessibile Futuro Italia, due strategie preesistenti che nei piani di Mediolanum puntano a raggiungere quota tre miliardi di euro di raccolta. Lyxor vanta invece due prodotti passivi, il Ftse Italia Mid Cap Pir Ucits Etf e il Lyxor Italia Equity Pir Ucits Etf, anch’essi divenuti Pir compliant solo in una fase successiva.

Come sottolinea PwC infatti, oltre il 70% del patrimonio è rappresentato dalla conversione di fondi, cioè poco più di un miliardo e 500 milioni di euro, contro i 400 milioni in fondi di nuova istituzione. 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.