Le tre Autorità europee mettono in allerta i consumatori sui rischi legati alle valute virtuali - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati per ottenere accesso illimitato al dabase di gestori di Citywire. La registrazione è gratuita e richiede solo un minuto.

Le tre Autorità europee mettono in allerta i consumatori sui rischi legati alle valute virtuali

Le tre Autorità europee mettono in allerta i consumatori sui rischi legati alle valute virtuali

Le ESAs (le tre autorità di vigilanza europee ESMA, EBA ed EIOPA) richiamano gli investitori sull’elevato grado di rischiosità delle valute virtuali.

Queste, osserva l’Autorità, hanno una rischiosità intrinseca poiché non sono emesse né garantite da una banca centrale o un’autorità pubblica e non sono collegate ad una valuta virtuale.

Perchè è cosi rischioso comprare valute virtuali?

Le autorità individuano tra i maggiori fattori di rischio i seguenti:

·        volatilità  estrema - enorme volatilità dei prezzi con possibilità di perdere una buona parte o l’interezza delle somme investite;

·        assenza di protezione - manca una regolamentazione giuridica delle criptovalute ad eccezione della normativa antiriciclaggio  che, nella bozza di proposta alla V direttiva, include tra i soggetti obbligati anche gli “exchanger” e “wallet provider”.  Al di fuori di questo ambito non vi è protezione giuridica, per cui se una piattaforma o portafoglio digitale falliscono o sono soggetti ad un cyber attacco non è possibile attivare alcun tipo di tutela legale;

·        mancanza di opzioni di uscita- perdite legate ai ritardi nella conversione  delle valute  virtuali in moneta corrente;

·        scarsa trasparenza del prezzo- rischio di non ricevere un prezzo equo e accurato quando si comprano o vendono valute virtuali;

·        disfunzioni operative- perdite dovute all’impossibilità di negoziare valute virtuali per il periodo di interruzione e conseguente esposizione all’oscillazione dei prezzi;

·        informazioni fuorvianti- carenza di informazione adeguata dei rischi a disposizione degli investitori;

·        inadeguatezza per diverse finalità di investimento- tra le altre investimenti con obiettivi a lungo termine quali risparmio e previdenza.

Come proteggersi?

Essere consapevoli dei rischi che si assumono e, in particolare, investire somme di denaro nella misura in cui si è capaci di sostenerne le perdite.

Assicurarsi che il livello di sicurezza dei dispositivi e hardware utilizzati per accedere alle valute virtuali o per comprarle, conservarle e trasferirle sia adeguato e aggiornato.

Essere, inoltre, consapevoli che acquistare valute virtuali da una società autorizzata all’esercizio di attività finanziarie non mitiga i rischi.

 

Per approfondire:

Le prime risposte normative al bitcoin (Prima parte)

Le prime risposte normative al bitcoin (Seconda parte)

 

 

 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.