L'angolo del consulente - Perchè, dopo anni di silenzio, tutte le case prodotto puntano sugli Esg? - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati per ottenere accesso illimitato al dabase di gestori di Citywire. La registrazione è gratuita e richiede solo un minuto.

L'angolo del consulente - Perchè, dopo anni di silenzio, tutte le case prodotto puntano sugli Esg?

L'angolo del consulente - Perchè, dopo anni di silenzio, tutte le case prodotto puntano sugli Esg?

Dovunque si vada non si sente parlare di altro che di investimenti sostenibili, che seguono cioé i criteri Esg : ambiente (Environment), sostenibilità (Sustainability), trasparenza (Governance).

Principi sacrosanti direi, perché date le precarie condizioni di salute in cui versa il nostro pianeta, selezionare le aziende in base all’impatto ambientale sembra essere un’ottima idea.

Molto positivo anche aver messo in luce il rapporto deleterio tra corruzione e inquinamento – tristemente agli occhi di tutti in Italia – e aver dimostrato che una trasparente e onesta conduzione aziendale oltre che essere più efficiente in termini economici è anche meno  dannosa all’ambiente.

Dunque qual è il problema? Quello che mi fa alzare le antenne è l’improvviso e corale interessamento alla questione, argomento di cui fino a un paio di mesi fa nessuno sembrava interessato.

Mi sono presa quindi la briga di indagare, davanti a questa fioritura di “nuovi” fondi ESG e ho scoperto che in Italia sono collocate da anni molte decine di prodotti simili, che hanno tutti come benchmark l’indice azionario mondiale (Msci World) ma hanno sottocategorie che spaziano dal “settore ecologia” in generale, a varie specializzazioni : acqua, energie alternative ecc..

I nomi dei fondi ci fanno  capire meglio il sottostante, si va da Nordea Global Climate and Environment Fund a Pictet Global Environmental Opportunities, da Schroder Global Climate Change Equity a Jupiter  Global Ecology Growth, tanto per citarne qualcuno.

Vontobel invece punta sulla Clean Technology, cioè sulla tecnologia pulita, anticipando quella che sarà una rivoluzione: una volta eliminati i derivati del petrolio e il carbone, sostituiti da energia pulita, è chiaro il ruolo fondamentale che avrà la tecnologia nel futuro.

Allora come mai strategie così fondamentali alla sopravvivenza, pur esistendo da molti anni, vengono alla ribalta solo adesso? Le case di investimento che hanno da tantissimo tempo questo tipo di fondi e non ne hanno mai parlato prima, adesso ne fanno il punto di forza dei loro convegni. E chi non è provvisto sta lanciando sul mercato il prodotto mancante.

Fermo restando che condivido pienamente questa sensibilità alle problematiche ambientali, un sospetto mi tormenta: salvare il mondo non sarà mica diventata un moda? Poi però mi consolo pensando : anche se fosse, è il risultato che conta.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.