L'angolo del consulente - I problemi dei portafogli a basso rischio - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

L'angolo del consulente - I problemi dei portafogli a basso rischio

L'angolo del consulente - I problemi dei portafogli a basso rischio

Ieri ho ricevuto una telefonata da Londra da parte di una delle più note case di investimenti, specializzata in fondi obbligazionari. Mi hanno spiegato che temendo un risveglio di volatilità avevano fatto a fine anno la scelta conservativa di investire circa la metà degli asset in bond di altissima qualità, perdendo in questo modo la fase risk on di gennaio.

Il problema però è che a febbraio il Barclays Aggregate ha perso circa due punti e mezzo, col senno di poi sarebbe stato quindi meglio non mettersi al riparo, perché si avrebbero almeno avute le performances di gennaio ad attutire la botta del mese successivo.

Il buon senso e la prudenza quindi non sempre pagano nel breve. Proviamo però a ragionare: a marzo 2015 eravamo tutti consapevoli che le quotazioni erano molto alte e temevamo una correzione. Saggiamente quindi i nuovi portafogli venivano fatti in modo conservativo, sottopesando l’azionario.

Lungimirante previsione: la correzione c’è stata, eccome, peccato però che mentre gli asset più rischiosi si sono rapidamente ripresi, non si può dire lo stesso del basso rischio, prova ne è che moltissimi multiasset e bilanciati sono ben sotto dai massimi.

Qui sorge il problema: tuffarsi di testa in un mare di alte quotazioni, con l’idea che tutto sommato sia la scelta più redditizia anche se più stressante? Non sono di questo parere.

Penso che un portafoglio vada fatto a prescindere dai mercati, puntando invece esclusivamente sulle esigenze del cliente: età, situazione economica e carattere dovrebbero essere gli unici indicatori, per questo non credo alla consulenza robotizzata.

Tutti sappiamo che c’è poco da aspettarsi nei bond – anche se probabilmente nel calo di febbraio hanno già scontato un bel rialzo dei tassi – ma non è un motivo valido per escluderli dal portafoglio: diversificare ed essere congrui al profilo di rischio e orizzonte temporale devono essere il nostro mantra.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.