L'angolo del consulente - Dollaro: era ora! - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati per ottenere accesso illimitato al dabase di gestori di Citywire. La registrazione è gratuita e richiede solo un minuto.

L'angolo del consulente - Dollaro: era ora!

1 Comment
L'angolo del consulente - Dollaro: era ora!

Quando il consensus era per una reiterata debolezza del dollaro, come prevedibile, è avvenuto il miracolo e dopo tante discese stiamo finalmente assistendo ad un bel recupero. Della serie: mai fidarsi delle previsioni corali.

Siamo attorno a 1.17 il prossimo ostacolo sarà poco sopra 1.16, vedremo cosa succede.

Ma cosa ha provocato questo cambio di rotta? Ovvio partire dall’ingiustificato ed eccessivo ribasso degli ultimi tempi: doveva riequilibrarsi in qualche modo, un ritorno ai fondamentali era ampiamente dovuto.

L’esito incerto delle elezioni in Germania e i disordini in Catalogna hanno indebolito l’euro, mentre i buoni dati economici e soprattutto la prospettiva del taglio fiscale promesso da Trump d’altro canto hanno rafforzato il dollaro portandolo ai massimi degli ultimi due mesi.

Se effettivamente la tassazione sui redditi d’impresa verrà abbassata dal 35% al 20% l’effetto sarà quello di far schizzare gli utili aziendali, beneficiati da tanta generosità e se crescono gli utili – il famoso E del rapporto P/E che viene utilizzato per valutare il prezzo di un’azione – l’equity americano diventerà improvvisamente a buon mercato o quasi.

Nel frattempo, con gran sollievo da parte nostra, i portafogli festeggeranno questo contributo alle performance dovuto al recupero del dollaro, unica nota dolente, anzi molto dolente, da inizio anno.

L’orizzonte sembra sereno in un modo inquietante: non si ha paura della Corea, delle incertezze politiche in Europa, niente insomma sembra turbare tanta positività. Ragazzi, che paura!

 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.