La Corte di Giustizia Ue smentisce la Cassazione: le polizze non devono garantire sempre il capitale - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

La Corte di Giustizia Ue smentisce la Cassazione: le polizze non devono garantire sempre il capitale

La Corte di Giustizia Ue smentisce la Cassazione: le polizze non devono garantire sempre il capitale

Le polizze di Ramo III non devono necessariamente garantire il capitale investito dal contraente per essere considerate strumento assicurativo.

Con questa presa di posizione, espressa in una sentenza del 31 maggio e riportata questa mattina in apertura di Italia Oggi, la Corte di Giustizia europea smentisce il parere espresso poche settimana fa dalla nostra Cassazione.

In particolare il parere della massima Corte italiana aveva messo in crisi il mondo della consulenza che da anni vede nelle polizze unit-linked (inserite nel Ramo III) uno dei suoi strumenti di investimento principe, evidenziando come il rischio finanziario non fosse conmpatibile con la natura assicurativa dei prodotti.

"Per rientrare nella nozione di 'contratto di assicurazione' " hanno ora ufficializzato i giudici europei "un contratto di assicurazione sulla vita deve prevedere il pagamento da parte di un premio da parte dell'assicurato e, in cambio, una prestazione da parte dell'assicuratore in caso di decesso o di altro evento compreso nel contratto".

Insomma, la natura del contratto assicurativo si basa esclusivamente sul rapporto premio/prestazione, non menzionando affatto valutazioni riguardo al rischio finanziario dovuto ai fondi sottostanti.

 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.