La Consob ha sospeso per 60 giorni un ex consulente finanziario di Fineco. Si tratta di Salvatore Serpe, iscritto all’Albo dal 2006 e segnalato dalla banca nel 2017 per presunte condotte appropriative nei confronti di una cliente di 84 anni.

Nello specifico, si legge nella delibera della Consob (consultabile qui), che “dalla documentazione trasmessa con la citata nota del 2/11/2017, è emerso che dai conti correnti intestati presso Banca Fineco alla sig.ra […omissis…] sarebbero stati disposti, in un ristretto arco di tempo – marzo/luglio 2017 – numerosi ordini di pagamento, per un importo stimato dal predetto intermediario in via di approssimazione in circa ottocentomila euro, a favore del consulente e della sua famiglia (figlio, nuora e cognata)”.

Poche settimane prima la cliente si era presentata dalla banca per disconoscere le disposizioni eseguite in favore di soggetti legati al consulente.

Secondo le indagini dell’Autorità di vigilanza, Serpe avrebbe quindi “acquisito somme di pertinenza della cliente […omissis…]; eseguito una serie di operazioni non autorizzate dalla medesima cliente (di apertura, movimentazione e chiusura di conti correnti bancari e di modifica del recapito cui inviare la documentazione contrattuale); contraffatto la firma della cliente; trattenuto e utilizzato i codici di accesso telematico ai rapporti di pertinenza della cliente in violazione delle modalità prescritte dal citato comma”.