La Consob inglese cerca di capire meglio come funzionano i roboadvisor - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati per ottenere accesso illimitato al dabase di gestori di Citywire. La registrazione è gratuita e richiede solo un minuto.

La Consob inglese cerca di capire meglio come funzionano i roboadvisor

2 Commenti
La Consob inglese cerca di capire meglio come funzionano i roboadvisor

La Financial Conduct Authority (FCA) ha contattato 1000 clienti finali e 30 piattaforme di investimento retail in un ampio esercizio di raccolta di dati come parte del suo studio sul mercato delle piattaforme.

In un documento analizzato da New Model Adviser, l'FCA definisce i parametri della ricerca alle  agenzie che potenzialmente saranno incaricate della raccolta dei dati.

I termini di studio del mercato delle piattaforma sono stati fissati nel mese di luglio. Alcune delle aree chiave di interesse per l'FCA era capire come la scelta della piattaforma impatti sulle spese di consulenza, l’impatto dei fornitori di tecnologie sul mercato delle piattaforme e se il consumatore ottiene un beneficio dal denaro speso nelle piattaforme.

Il documento indica gli scopi della raccolta dei dati e afferma che la ricerca si concentrerà sui consumatori non-advised con un suggerimento sul campione che dovrebbe essere composto per  circa il 70% da clienti che non-advised e il 30% da clienti advised.

L'FCA prevede che saranno esaminati almeno 1.000 investitori retail clienti di piattaforme.

Tra le domande a cui l'FCA vuole trovare risposta grazie ai dati che sta raccogliendo è se le piattaforme non-advised stanno influenzando la decisione del consumatore verso prodotti e/o soluzioni specifiche.

New Model Adviser ritiene che l'FCA con questa domanda sveli la preoccupazione che i consumatori stiano facendo le scelte in base alle informazioni fornite da piattaforme non-advised.

La ricerca sarà costituita da uno studio qualitativo a cui seguirà poi un'analisi quantitativa e un'analisi congiunta, una tecnica di indagine utilizzata per determinare come le persone valutano prodotti e servizi. L'intero processo di ricerca dovrebbe essere completato entro la fine di gennaio 2018.

In sintesi l'FCA desidera che la ricerca metta in luce "se i consumatori possono fare buone scelte nel mercato delle piattaforme e se queste generano un'effettiva concorrenza tra le piattaforme".

"Vogliamo comprendere la misura in cui i consumatori stanno scegliendo le piattaforme che riflettono le loro preferenze e se acquistano le piattaforme e i loro prodotti che forniscono un buon rapporto tra i soldi spesi e la qualità dei servizi”

Inoltre vuole "esplorare le ragioni di qualsiasi differenza significativa tra le preferenze dei consumatori e le scelte che i consumatori fanno (ad esempio la mancanza di consapevolezza sui prezzi le caratteristiche delle piattaforme concorrenti, la mancanza di coinvolgimento, le tendenze del comportamento, le barriere").

La ricerca giunge in un momento intenso per le piattaforme che si stanno preparando all'attuazione della Mifid II nel mese di gennaio. Tuttavia, la maggior parte del lavoro sarà svolto dall'agenzia di ricerca che il regolatore ha nominato.

E’ ancora da stabilire come l'agenzia nominata lavorerà con i provider di piattaforme per entrare in contatto direttamente con i consumatori.

I risultati della ricerca saranno pubblicati la prossima estate in un allegato al report intermedio dello studio sul mercato delle piattaforme.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.