I 6 strumenti giuridici per la tutela del patrimonio - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati per ottenere accesso illimitato al dabase di gestori di Citywire. La registrazione è gratuita e richiede solo un minuto.

I 6 strumenti giuridici per la tutela del patrimonio

I 6 strumenti giuridici per la tutela del patrimonio

di Claudia Gangitano, notaio in Milano

                                                             ---

La legge italiana prevede alcuni strumenti giuridici utili a tutelare i beni dei risparmiatori da eventuali aggressioni esterne.

Il nostro legislatore all'art. 2740 del Codice Civile dispone infatti che "il debitore risponde dell'adempimento delle obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri. Le limitazioni della responsabilità non sono ammesse se non nei casi stabiliti dalla legge".

Perché si possa parlare di valide limitazioni della responsabilità occorre però che siano perseguiti interessi meritevoli di tutela più importanti delle pretese creditorie.

Tra i casi previsti dalla legge rientrano gli istituti del trust, del fondo patrimoniale e degli atti portanti vincoli di destinazione. A questi, con il tempo, si sono aggiunti altri strumenti quali le polizze assicurative, i fondi pensione e il contratto di affidamento fiduciario.

La crisi economica degli ultimi anni infatti ha diffuso sia in campo familiare, sia in campo professionale l'urgenza di tutelare il più possibile il patrimonio personale dalle pretese dei creditori.

Qui di seguito affronteremo, uno per uno, i principali strumenti che il nostro ordinamento conosce per la tutela patrimoniale.

Ciascuno di essi ha delle peculiarità sue proprie ed è per questo che occorre sempre analizzare bene la situazione di partenza per vedere quale degli strumenti esistenti risulta più utile alle esigenze del caso concreto.

IL TRUST

Il trust è un istituto di origine anglosassone e rappresenta un ottimo strumento di segregazione patrimoniale; è stato recepito nel nostro ordinamento con la ratifica della convenzione dell'Aja del 1985 ex legge 364/89.

Esso è disciplinato solo da norme straniere e permette al titolare del patrimonio (settlor) di trasferire la proprietà dei suoi beni ad un altro soggetto (trustee) che li dovrà gestire per poi trasferirli ai beneficiari finali al ricorrere di alcuni presupposti, il tutto sotto la vigilanza del guardian.

Si costituisce con atto notarile, viene registrato all'Agenzia delle Entrate e trascritto nei Registri Immobiliari quando ha oggetto beni immobili.

 

IL FONDO PATRIMONIALE

Il fondo patrimoniale nasce per tutelare i bisogni della famiglia e può essere costituito sia in costanza di matrimonio avente effetti civili dai coniugi stessi o da un terzo soggetto.

Cessa con il venir meno del matrimonio per effetto della morte di uno dei coniugi, per divorzio o annullamento del matrimonio stesso.

La costituzione del fondo patrimoniale permette di separare dal patrimonio personale dei coniugi i beni conferiti nel fondo, in modo da evitare che possano essere aggrediti dalle pretese dei creditori professionali o imprenditoriali dei coniugi, diversi dai creditori della famiglia.

Tra i beni oggetto di conferimento del fondo patrimoniale rientrano sia i beni immobili, sia i beni mobili registrati sia i titoli di credito.

È costituito con atto pubblico ed è annotato a margine dell'atto di matrimonio e trascritto nei Registri Immobiliari se ha oggetto beni immobili. 

IL VINCOLO DI DESTINAZIONE

Il vincolo di destinazione è disciplinato dall'art. 2645 ter c.c.

Viene costituito con atto pubblico e presuppone un interesse meritevole di tutela, quale ad esempio la cura di un soggetto disabile o di un ente morale quale una fondazione.

Il notaio incaricato della stipula deve poter individuare tale interesse meritevole di tutela per poter confezionare correttamente l’atto. 

La durata del vincolo è limitata nel tempo ad un massimo di 90 anni in riferimento agli enti o alla vita del beneficiario.

 

IL CONTRATTO DI AFFIDAMENTO FIDUCIARIO

Tra gli strumenti utili alla tutela del patrimonio dalle aggressioni esterne si è recentemente aggiunto il contratto di affidamento fiduciario.

In principio il contratto di affidamento fiduciario non era disciplinato dalla legge ma si reggeva sulle prassi sociali, poi dal 25 giugno 2016, con l’entrata in vigore della Legge sul “Dopo di noi”, si è trasformato in un vero contratto “Tipico” e “normato”.

La nuova disciplina si propone di «favorire il benessere, la piena inclusione sociale e l'autonomia delle persone con disabilità» (art. 1, comma 1, legge n. 112/2016).
A tal fine, la legge individua quattro diversi strumenti giuridici astrattamente idonei a proteggere gli interessi dei soggetti con disabilità grave tra i quali rientrano i fondi speciali, composti di beni sottoposti a vincolo di destinazione e disciplinati con contratto di affidamento fiduciario.
In particolare, la legge n. 112/2016 prevede una serie di “condizioni” che il “contratto di affidamento fiduciario” (al pari del trust e dei vincoli di destinazione di cui all'art. 2645-ter c.c.) deve necessariamente rispettare al fine dell'ottenimento delle agevolazioni fiscali ivi previste. Accanto a tali condizioni meramente facoltative (strumentali all'ottenimento dei vantaggi fiscali), la nuova disciplina prevede, quale elemento essenziale della fattispecie, che i “fondi speciali” (costituiti e regolati da un “contratto di affidamento fiduciario”) siano «composti di beni sottoposti a vincolo di destinazione» (art. 1, comma 3, legge n. 112/2016).

In tal modo, l'ordinamento italiano ha espressamente riconosciuto uno strumento di diritto interno che, alla stregua di un trust, raggiunge due effetti fondamentali che sono la costituzione di un patrimonio separato in capo al fiduciario, composto dai beni (i “fondi speciali”) destinati all'attuazione del programma fiduciario, e l'opponibilità ai terzi del vincolo di destinazione (e quindi dello stesso programma fiduciario).

LE POLIZZE ASSICURATIVE E I FONDI PENSIONE

Un ultimo accenno può essere fatto in merito alla sottoscrizione di polizze assicurative e fondi pensioni.

Negli ultimi tempi sul mercato si trovano le più svariate tipologie: lo scopo di esse è di rendere il capitale conferito non aggredibile dai creditori.

Sicuramente ai fini di una corretta segregazione patrimoniale è necessario che si tratti di forme previdenziali e che si arrivi alla scadenza del contratto.

 

 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.
Eventi
  • Citywire Venice 2017

    Citywire Venice 2017

  • Citywire Italia 2016

    Citywire Italia 2016

  • Citywire Italia 2016

    Citywire Italia 2016

  • Citywire Consulenza Evoluta 2016

    Citywire Consulenza Evoluta 2016

  • Citywire Consulenza Evoluta 2016

    Citywire Consulenza Evoluta 2016

  • Citywire Milano 2016

    Citywire Milano 2016

  • Citywire Milano 2016

    Citywire Milano 2016

  • Post-Brexit: come la pensano i wealth manager scozzesi

    Post-Brexit: come la pensano i wealth manager scozzesi

  • Venezia in cartolina: le (altre) foto di Citywire Italia 2017

    Venezia in cartolina: le (altre) foto di Citywire Italia 2017

  • Il palco ai Fund Selector: best practices nella selezione di fondi e gestori

    Il palco ai Fund Selector: best practices nella selezione di fondi e gestori

  • Financial Times incorona Banca Generali “Best Private Bank” in Italia

    Financial Times incorona Banca Generali “Best Private Bank” in Italia

  • Fee Only 2016, tra tecnologie emergenti e futurizzazione

    Fee Only 2016, tra tecnologie emergenti e futurizzazione

  • Fee Only 2016, i cambi epocali che guidano i mercati

    Fee Only 2016, i cambi epocali che guidano i mercati

  • Potter e Jensen, la Fed sbarca all’ITForum di Rimini

    Potter e Jensen, la Fed sbarca all’ITForum di Rimini

  • Consultique & Friends dopo Milano e Treviso si sposta al sud

    Consultique & Friends dopo Milano e Treviso si sposta al sud

  • Citywire al sesto forum nazionale Ascosim

    Citywire al sesto forum nazionale Ascosim

  • Salone del Risparmio, i 7 percorsi tematici del 2016

    Salone del Risparmio, i 7 percorsi tematici del 2016

  • BlackRock, nuove piattaforme e scenari di investimento all’Investment Forum 2016

    BlackRock, nuove piattaforme e scenari di investimento all’Investment Forum 2016