Fintech, l'industria ci crede eccome. Allianz entra in MoneyFarm - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati per ottenere accesso illimitato al dabase di gestori di Citywire. La registrazione è gratuita e richiede solo un minuto.

Fintech, l'industria ci crede eccome. Allianz entra in MoneyFarm

Fintech, l'industria ci crede eccome. Allianz entra in MoneyFarm

Davide e Golia uniscono le forze. Allianz, la prima società assicurativa al mondo e un gigante del risparmio gestito globale, è entrata nel robo-advisor italiano MoneyFarm con una quota di minoranza acquisita per una somma top secret (indiscrezioni di stampa parlano di circa 7 milioni di dollari), che vale anche un consigliere in Cda.

Un bel colpo per la startup italiana del fintech cofondata da Paolo Galvani (nella foto) e giovanni Daprà nel 2011, che a marzo di quest’anno ha debuttato nel Regno Unito e che tra Italia e UK conta attualmente su 80.000 clienti registrati (il dato di quelli che effettivamente investono non è pubblico).​

Con questa partnership l'obiettivo di MoneyFarm è quello di sviluppare anche soluzioni di tipo previdenziale e legate all'efficientamento fiscale, insomma allargare l'orizzonte rispetto alla semplice gestione del risparmio.

L’operazione conferma che la percezione del fintech da parte dell’industria globale degli investimenti finanziari non è quella di una moda passeggera o di una bolla pronta a scoppiare.

Tutt’altro: l’interesse dei clienti a sperimentare soluzioni automatizzate (leggi: a basso costo) per gli investimenti è decisamente reale.

E l’Italia, patria di MoneyFarm, non fa eccezione, come testimonia una ricerca appena pubblicata da PwC in collaborazione con l'Università Cattolica di Milano su un campione di 428 investitori retail (reali o potenziali), secondo cui il 40% degli intervistati è pronto a investire tramite un robo-advisor.

Allianz in prima linea sul Fintech

Non è la prima operazione che Allianz porta a termine con l’obiettivo di rafforzare la propria presenza nell’arena competitiva aperta dal Fintech.

La società ha recentemente istituito un “Innovation Lab” in Asia e lanciato Allianz X, divisione volta a “identificare, costruire e scalare nuovi modelli di business nello spazio InsurTech”. La scorsa settimana Allianz ha acquistato anche una partecipazione nella startup berlinese Simpesurance.

MoneyFarm non è l’unico robo-advisor italiano (tra i principali, ricordiamo anche Advise Only, Soldi Expert, Ib Navigator e Yellow Advice, la piattaforma fintech di Chebanca!) ma è quello che di recente in Italia ha raccolto più finanziamenti: 16 milioni di euro, di cui gran parte all'estero. E, con essi, attenzione mediatica a livello globale: Galvani ha raccontato di essere stato avvicinato da Allianz a una conferenza. Ai primi contatti sono seguite le trattative, durate circa un anno ma evidentemente fruttuose.

Nelle intenzioni del presidente di MoneyFarm, la partnership con Allianz, strumentale all'espansione del business, è solo all'inizio: già si parla di ulteriori sinergie allo studio, che diventeranno operative da inizio 2017. "Se ho visto più lontano, è perché stavo sulle spalle di giganti", diceva Isaac Newton.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.