Fineco, il taglio delle management fee avrà uno scarso impatto sulla rete di consulenti - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Fineco, il taglio delle management fee avrà uno scarso impatto sulla rete di consulenti

14 Commenti
Fineco, il taglio delle management fee avrà uno scarso impatto sulla rete di consulenti

Fineco ha comunicato ai propri 2.600 consulenti finanziari, tramite circolare interna, che a partire da quest'anno le commissioni di management fee sui fondi à la carte saranno ridotte del 20%.

Per evitare questa rilevante decurtazione delle fee la società ha suggerito ai professionisti di accelerare il processo di transizione dei portafogli verso i "guided products & services", ovvero i servizi di consulenza evoluta, le unit linked e i fondi di fondi, nella dicitura della casa.

L'impatto della novità dovrebbe essere comunque contenuto perchè l'indicazione della società non fa altro che accelerare una trasformazione dell'offerta già in atto. Minimo ad esempio l'impatto per i consulenti più giovani.

Citywire ha interpellato diversi consulenti della banca distribuiti in varie regione italiane e le lamentele maggiori sono venute infatti dai grandi portafoglisti più abituati a cesellare l'asset allocation sulle specifiche esigenze di clienti seguiti da anni ("anche da prima della creazione di Fineco" come ha commentato qualcuno). Un certo disappunto è comunque diffuso, così come la percezione di un'eccessiva ingerenza da parte dell'azienda sull'asset allocation da seguire.

Naturalmente c'è anche chi si è rivolto in Anasf chiedendo lumi sulla liceità dell'iniziativa, confermata dall'ufficio legale dell'Associazione nazionale dei consulenti finanziari. 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.