Fidelity International lancia sei fondi azionari indicizzati - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati per ottenere accesso illimitato al dabase di gestori di Citywire. La registrazione è gratuita e richiede solo un minuto.

Fidelity International lancia sei fondi azionari indicizzati

Fidelity International lancia sei fondi azionari indicizzati

Fidelity International ha lanciato sul mercato sei fondi azionari indicizzati transnazionali.

La gamma è composta da sei fondi domiciliati in Irlanda, che coprono Stati Uniti, Europa, Giappone, Pacifico escluso Giappone, mercati sviluppati globali e mercati emergenti, con una commissione semplice e a basso costo, che varia in un range compreso fra lo 0,06% per il Fidelity S&P 500 Index Fund e lo 0,20% per il Fidelity MSCI Emerging Markets Index Fund.

I fondi indicizzati, che saranno offerti in 18 mercati europei, applicano la stessa commissione per tutti gli investitori. Inoltre, saranno disponibili classi di azioni con copertura valutaria, fornendo così agli investitori una maggiore flessibilità per gestire il proprio rischio valutario.

“La gestione attiva rimane il cuore pulsante del nostro business, tuttavia sappiamo che gli investitori desiderano avere possibilità di scelta, oltre che valore, quando allocano i propri capitali in un fondo attivo, in uno passivo o in entrambi”, ha dichiarato Christophe Gloser, responsabile wholesale continental Europa di Fidelity International: “Ampliare ulteriormente la nostra offerta di strumenti d'investimento passivi in Europa, a prezzi competitivi, riconferma il nostro impegno a offrire una maggiore possibilità di scelta e di valore ai nostri clienti”.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.
Cover Stars

Salvatore Gaziano (SoldiExpert), questo non è un Paese per cf indipendenti

Salvatore Gaziano (SoldiExpert), questo non è un Paese per cf indipendenti

Salvatore Gaziano, prima di essere un consulente indipendente, è un innovatore. Nella sua “vita precedente” è stato un giornalista che ha lavorato per importanti testate finanziarie (che oggi non ci sono più) proprio negli anni del boom dei mercati.

Continua a leggere
Citywire Italia on Twitter