Durissimo attacco di FederPromm a Maurizio Bufi: Anasf definita "ininfluente associazione" - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Durissimo attacco di FederPromm a Maurizio Bufi: Anasf definita "ininfluente associazione"

3 Commenti
Durissimo attacco di FederPromm a Maurizio Bufi: Anasf definita "ininfluente associazione"

"Le strane abitudini di Bufi di fare la voce grossa e di considerare  una  istituzione quale la Fondazione Enasarco agli interessi della sua ininfluente associazione". 

Basta soltanto questo titolo per capire il tono e il senso del durissimo comunicato stampa diffuso da Manlio Marucci (presidente FederPromm), in veste di delegato della assemblea dell’Ente previdenziale.

"L’uscita di Bufi con le dichiarazioni sulla gestione e il j’accuse alla presidenza della fondazione Enasarco, é  la solita  "sceneggiata" – visto che di sceneggiate in questo periodo se ne vedono molte – di fare la voce grossa  in una struttura articolata e complessa quale l’ente di previdenza obbligatoria per gli agenti  di cui i consulenti finanziari sono una percentuale modesta:  circa 22mila sui 230mila iscritti" recita il comunicato.

"Affermare in maniera pomposa e strafottente con una dichiarazione rivolta al presidente Costa che l’associazione rappresentata da Busi è in grado di fare la scalata alla cassa di previdenza attraverso gli strumenti della raccolta delle firme per la prossima competizione elettorale qualora non si provveda alla modifica dello statuto e del regolamento elettorale, appare come un altolà che non ha una percezione concreta e reale del funzionamento della macchina amministrativa e gestionale dell’Ente" continua il testo diffuso da FederPromm.

" “Delle cose che non si conoscono conviene sempre tacere” (Wittgenstein)" ha aggiunto Marucci "Evidentemente il collega Bufi pecca di orgoglio e senso critico".

 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.