Dopo MiFID 2 le commissioni di advisory sono già scese del 5% - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Dopo MiFID 2 le commissioni di advisory sono già scese del 5%

Dopo MiFID 2 le commissioni di advisory sono già scese del 5%

Secondo la ricerca di Fitz Partners, le commissioni di consulenza sugli investimenti sono diminuite del 5% nell'ultimo anno.

Nello stesso anno dell'introduzione di MiFid 2, le spese medie di consulenza sono scese da 41 punti base a 39 punti base negli ultimi 12 mesi.

Dal 2015 le commissioni di gestione lorde, comprese le commissioni di distribuzione, sono diminuite del 18%.

Le commissioni di advisory coprono l'allocazione degli attivi e la selezione dei titoli e sono solitamente pagate insieme con le commissioni di gestione dei fondi.

Per i fondi azionari, la ricerca mostra che la quota della commissione di gestione pagata per la consulenza di investimento è aumentata del 10% negli ultimi quattro anni, il che significa che il restante margine ricevuto dalle case di investimento dalle commissioni di gestione dopo ogni commissione di investimento e di distribuzione si è ridotto.

Il CEO di Fitz Partners Hugues Gillibert ha affermato che una "parte sostanziale" della commissione di gestione di un fondo è costituita da costi di gestione del portafoglio e che il livello di tale costo specifico può incidere "sostanzialmente" sulle entrate di un asset manager.

Commentando la ricerca, ha aggiunto: "Ci saremmo aspettati che la riduzione della componente delle commissioni di consulenza sugli investimenti si verificasse prima e fosse più in sintonia con la tendenza generale al ribasso dei livelli delle commissioni di gestione. Ciò potrebbe riflettere una mancanza di elasticità quando si tratta di valutare il costo di consulenza per gli investimenti dei fondi da team interni da cui dipende la loro remunerazione, la pressione dalle regole interne sui prezzi di trasferimento o il forte potere contrattuale dei sub-advisors.

Dalle discussioni con i clienti, sappiamo che le case di gestione si stanno concentrando maggiormente su queste commissioni interne e che le valutazioni approfondite delle fee vengono eseguite con maggiore regolarità."

Da quando è entrato in vigore il 3 gennaio di quest'anno, MiFid 2 ha puntato i riflettori sui compensi addebitati dagli asset manager, costringendoli a rivelare oneri nascosti e separare i costi di ricerca.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.