Credem vince la causa su CheBanca! per concorrenza sleale sui cf: ecco la sentenza - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Credem vince la causa su CheBanca! per concorrenza sleale sui cf: ecco la sentenza

Credem vince la causa su CheBanca! per concorrenza sleale sui cf: ecco la sentenza

Alla fine Credem ha vinto. Tutto iniziò ai tempi del passaggio di Duccio Marconi (qui la videointervista realizzata al Salone del Risparmio), fino a settmebre dello scorso anno responsabile della rete di cf del Credem, in CheBanca!.

Con il suo passaggio Marconi si portò nella rete del gruppo Mediobanca diversi consulenti. Per questo a novembre 2017 il Credem decise di intentare una causa per concorrenza sleale.

Il 5 aprile il Tribunale di Milano tramite il collegio presieduto da Claudio Marangoni ha dato ragione al Credito Emiliano.

La sentenza stabilisce una penale di 50.000 euro che CheBanca! dovrà eventualmente risarcire a Credem “per ogni consulente finanziario o dipendente che passerà in CheBanca! a partire dal 5 aprile.

Inoltre, il gruppo CheBanca! dovrà pagare le spese per un totale di 15mila euro, di cui 3mila per spese e il resto per compensi, oltre il 15% per spese forfettarie.

Ecco la sentenza:

 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.
Cover Stars

Baldassarri (F&F), consulenza di famiglia: perché lo studio associato è il futuro della professione

Baldassarri (F&F), consulenza di famiglia: perché lo studio associato è il futuro della professione

Il mondo della consulenza è in fermento. L’introduzione della persona giuridica per i soggetti abilitati a svolgere l’attività di consulenza fuori sede rappresenta uno degli snodi principali per i consulenti. Ne abbiamo parlato con Anna Baldassarri.

Continua a leggere
Citywire Italia on Twitter