ConsulenTia18, Cubelli (Fideuram Ispb): Cerchiamo oltre 200 cf nel 2018 - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

ConsulenTia18, Cubelli (Fideuram Ispb): Cerchiamo oltre 200 cf nel 2018

ConsulenTia18, Cubelli (Fideuram Ispb): Cerchiamo oltre 200 cf nel 2018

“Nel 2017 le reti Fideuram Ispb e Sanpaolo Invest hanno reclutato circa 200 consulenti finanziari. Quest’anno intendiamo fare meglio, sia per numero di ingressi sia in termini di nuove masse” ha spiegato a Citywire Fabio Cubelli (in foto), condirettore generale con responsabilità dell’area coordinamento affari Fideuram ISPB, a margine del convegno Anasf ConsulenTia 2018.

“Il modello di servizio dei consulenti sta guadagnando quote di mercato e la crescita delle nostre due reti è perfettamente in linea con il piano industriale del gruppo Intesa presentato ieri, che pone un forte accento sul wealth management”.

Il nostro bacino principale di ricerca è quello bancario, dove c’è una minore attenzione allo sviluppo delle risorse” ha approfondito Cubelli. “Puntiamo meno al reclutamento da altre reti, ma anche quel canale naturalmente resta aperto”.

“Terza fonte di reclutamento sono i giovani, con un progetto specifico dedicato alla next generation. Un progetto dedicato ai giovani professionisti con piccoli portafogli ma con età tali da consentire di irrobustirli o a direttamente studenti universitari da affiancare a cf senior in grado di instradarli”.

“Non ritengo sia finita la stagione del reclutamento dei grandi portafoglisti, a patto però di saper offrire loro un’offerta adeguata. Un conto è inserire un private banker con masse da 80-100 milioni e un altro è un gestiore bancario, pur premium, con portafogli più ridotti. Per noi un top private banker lavora masse superiori ai 70-80 milioni di euro e per loro abbiamo una struttura dedicata”.

“Dal punto di vista geografico abbiamo un target a livello nazionale, con un’attenzione leggermente superiore al nord ma soltanto perchè lì vi sono i margini di crescita maggiori” ha concluso il manager. “L’ingresso nella galassia Intesa delle ex popolari venete non ha stravolto la nostra strategia. Il Veneto era ed è una regione per noi importante”.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.