Citywire Community: Il rischio di Mifid2? Lavorare troppo - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati per ottenere accesso illimitato al dabase di gestori di Citywire. La registrazione è gratuita e richiede solo un minuto.

Citywire Community: Il rischio di Mifid2? Lavorare troppo

Citywire Community: Il rischio di Mifid2? Lavorare troppo

Uno dei timori legati all'adozione italiana della direttiva europea Mifid2 è che la contrazione dei margini per l'industria incida sulle remunerazioni dei consulenti fianziari, come ribadito a Citywire dal presidente Anasf Maurizio Bufi (qui la videointervista).

La comunità di professionisti del risparmio gestito, lettori di Citywire.it, è stata peranto sondata per capire se, a loro giudizio, "la Mifid2 spingerà il mercato verso una consulenza low cost".

E, ben il 65% degli intervenuti ha risposto: "Sì, i consulenti saranno obbligati ad avere portafogli maggiori per essere remunerati quanto oggi: i margini verranno inevitabilmente compressi". In linea, peraltro, con quanto pubblicamente espresso dai vertici delle principali reti italiane.

Il 21% dei sondati non crede invece in un impatto così radicale dei nuovi regolamenti e che "non cambierà nulla in termini di offerta e remunerazione per i cf".

Il 14% mancante del campione crede altresì che i margini si ridurranno ma che si arriverà a una separazione del mercato "attraverso un massiccio uso di piattaforme di roboadvisory. I professionisti in carne e ossa" secondo quest'ultimo gruppo di intervenuti "lavoreranno soltanto sul segmento private". 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.
Cover Stars

Salvatore Gaziano (SoldiExpert), questo non è un Paese per cf indipendenti

Salvatore Gaziano (SoldiExpert), questo non è un Paese per cf indipendenti

Salvatore Gaziano, prima di essere un consulente indipendente, è un innovatore. Nella sua “vita precedente” è stato un giornalista che ha lavorato per importanti testate finanziarie (che oggi non ci sono più) proprio negli anni del boom dei mercati.

Continua a leggere
Citywire Italia on Twitter