Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Best seller, ecco i 3 fondi obbligazionari più venduti del 2016

Li ha rivelati il nostro team di ricerca. Ci sono due fondi piuttosto noti e anche un gestore italiano.

A livello globale, Stati Uniti esclusi, le asset class obbligazionarie che hanno attirato più flussi in entrata nel 2016 sono i mercati emergenti in valuta forte e i global corporates, i quali hanno raccolto rispettivamente 8,55 e 8,5 miliardi di euro.

Se si analizzano i dati sui flussi in direzione contraria, l’high yield denominato in dollari rappresenta il settore obbligazionario che ha registrato invece il maggior numero di deflussi durante l’anno appena concluso: 6,1 miliardi di euro.

Ma quali sono i gestori obbligazionari che hanno ottenuto i flussi in entrata maggiori durante il 2016? Lo illustra il nostro team di ricerca in questa galleria.

(*I dati seguenti includono i flussi in entrata in tutte le share class aggregate al fondo in questione).

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.

A livello globale, Stati Uniti esclusi, le asset class obbligazionarie che hanno attirato più flussi in entrata nel 2016 sono i mercati emergenti in valuta forte e i global corporates, i quali hanno raccolto rispettivamente 8,55 e 8,5 miliardi di euro.

Se si analizzano i dati sui flussi in direzione contraria, l’high yield denominato in dollari rappresenta il settore obbligazionario che ha registrato invece il maggior numero di deflussi durante l’anno appena concluso: 6,1 miliardi di euro.

Ma quali sono i gestori obbligazionari che hanno ottenuto i flussi in entrata maggiori durante il 2016? Lo illustra il nostro team di ricerca in questa galleria.

(*I dati seguenti includono i flussi in entrata in tutte le share class aggregate al fondo in questione).

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.

3. Luigi Fallanca, Eurizon Capital

Al terzo posto c’è un gestore italiano, Luigi Fallanca di Eurizon Capital con il comparto Eurizon EasyFund Treasury. Il fondo guidato da Fallanca, che rientra nella categoria obbligazionario eurozona a breve termine, ha accumulato 4,03 miliardi di euro di flussi in entrata durante il 2016.

Ad un anno la strategia ha ottenuto un rendimento negativo dello 0,1%, un dato che equivale comunque a una prestazione migliore rispetto al gestore medio nella stessa asset class (-1,1%).

Il fondo, che è gestito da Fallanca dal lancio nel marzo 2015 e a fine dicembre 2016 vantava 7 miliardi di patrimonio netto, investe prevalentemente in debito investment grade.

Sempre a fine dicembre, il 66% degli strumenti finanziari in portafoglio corrispondeva a titoli emessi dal dipartimento del Tesoro (CTZ, CCTS, BTP, BOT).

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.

2. Keith Ney, Carmignac

Al secondo posto troviamo un gestore dal rating AA di Citywire, nonché portfolio manager di uno dei fondi di maggior successo di Carmignac, Keith Ney con il Securité. Il gestore ha attirato 4,9 miliardi di euro durante il 2016.

Ney, che gestisce il comparto dal 2013, ha gradualmente ridotto la duration del suo portafoglio, passando da 3,5 anni a febbraio 2016 a una duration leggermente negativa (-0,4 anni).

Anche in questo caso le prime tre posizioni in portafoglio sono rappresentate da titoli di stato italiani. Tra gli altri titoli su cui è esposto il fondo da oltre 12 miliardi di euro di patrimonio gestito (a fine dicembre 2016) si trovano anche i governativi spagnoli ed emissioni di Citigroup, Unicredit e Fiat.

Ad un anno il Carmignac Securité ha ottenuto un ritorno del 2,1% contro lo 0,7% del gestore medio in obbligazionario euro breve termine.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.

1. Daniel Ivascyn e Alfred T. Murata, Pimco

Il fondo obbligazionario che ha attirato la fetta più cospicua di flussi in entrata durante il 2016 è il PIMCO GIS Income gestito dalla coppia di manager formata da Daniel Ivascyn e Alfred Murata.

Il comparto, che a un anno ha evidenziato una rendimento del 5,8%, ha infatti accumulato 6,9 miliardi di euro di afflussi.

I driver principali della prestazione del fondo provengono dall’esposizione in mortgage backed securities, cioè titoli garantiti da mutui ipotecari. Per quanto riguarda l’allocazione settoriale, gli ipotecari rappresentano infatti il 49% degli investimenti.

Un altro driver che ha trainato la performance del fondo da 21 miliardi di dollari di aum è stata l’esposizione al credito high yield.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.