Banche italiane, perso in Borsa il 77% in 10 anni. La classifica delle migliori e delle peggiori - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Banche italiane, perso in Borsa il 77% in 10 anni. La classifica delle migliori e delle peggiori

Banche italiane, perso in Borsa il 77% in 10 anni. La classifica delle migliori e delle peggiori

I piccoli e grandi azionisti delle banche italiane hanno visto crollare del 76,7% il valore borsistico dei propri investimenti negli ultimi 10 anni.

È questo il calo dei ritorni totali dell’indice bancario (comprensivo dei dividendi e degli aumenti di capitale), secondo i dati R&S elaborati per il quotidiano il Sole 24 Ore.

I titoli peggiori sono stati Banca Monte dei Paschi di Siena (-99,8%) e Banca Carige (-99,2%), seguite dalle due componenti di Banco Bpm (Banco Popolare -96,9% e Bpm -93,1%) e Credito Valtellinese (-92,9%).

Sotto soglia 90% di perdita di valore, Unicredit (-89,1%), Ubi Banca (-82,4%), Bim (-81,4%), Banco di Desio e della Brianza (-70,1%), Bper Banca (-64,3%) e Banca Popolare di Sondrio (58,8%).

Le perdite più contenute sono state invece registrate da Credem (-32%), Intesa Sanpaolo (-32,6%) e Mediobanca (-38,3%), unica a non aver richiesto ricapitalizzazioni.

Assenti dalla classifica Banca Mediolanum e Finecobank, quotate da meno di dieci anni, e Banca Generali (+255%) e Banca Ifis (+383%), grazie anche alle rispettive focalizzazioni nel risparmio gestito e nel recupero crediti.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.
Cover Stars

Baldassarri (F&F), consulenza di famiglia: perché lo studio associato è il futuro della professione

Baldassarri (F&F), consulenza di famiglia: perché lo studio associato è il futuro della professione

Il mondo della consulenza è in fermento. L’introduzione della persona giuridica per i soggetti abilitati a svolgere l’attività di consulenza fuori sede rappresenta uno degli snodi principali per i consulenti. Ne abbiamo parlato con Anna Baldassarri.

Continua a leggere
Citywire Italia on Twitter