Banca Generali, nel primo trimestre masse in crescita del 13% - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.

Banca Generali, nel primo trimestre masse in crescita del 13%

Banca Generali, nel primo trimestre masse in crescita del 13%

Banca Generali ha ottenuto nel 1° trimestre 2018 nuovi flussi per 1,6 miliardi di euro e masse gestite e amministrate per 56,4 miliardi di euro (+13% a/a).

L’utile netto della società guidata da Gian Maria Mossa (in foto) si è attestato a 49 milioni di euro (-13%) "per il minor contributo delle componenti di ricavo più variabili dipendenti dalle dinamiche dei mercati" secondo quanto dichiarato dalla banca-rete.  Al netto di queste ultime, gli utili risultano raddoppiati a 31,8 milioni di euro (+107%).

Il margine di intermediazione si è attestato a 114,1 milioni di euro contro i 122,5 milioni dello scorso esercizio dove all'aumento delle componenti ricorrenti (91 milioni, +20%) si è contrapposta una riduzione delle componenti variabili (23 milioni, -50%) legata all’andamento di breve termine dei mercati.

Tra le voci di natura ricorrente, le commissioni lorde di gestione (158,1 milioni, +17%) e le commissioni bancarie e d’ingresso (16,6 milioni +16%) hanno evidenziato un progresso di riflesso allo sviluppo delle masse gestite e amministrate.

L’incremento delle commissioni nette ricorrenti è stato più importante (78 milioni, +29%), mentre le commissioni variabili, al contrario, hanno mostrato un ridimensionamento a 7,6 milioni di euro contro i 42,8 milioni dello scorso anno (-82%) risentendo della volatilità e della maggiore incertezza dei mercati.

 

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.
Cover Stars

Baldassarri (F&F), consulenza di famiglia: perché lo studio associato è il futuro della professione

Baldassarri (F&F), consulenza di famiglia: perché lo studio associato è il futuro della professione

Il mondo della consulenza è in fermento. L’introduzione della persona giuridica per i soggetti abilitati a svolgere l’attività di consulenza fuori sede rappresenta uno degli snodi principali per i consulenti. Ne abbiamo parlato con Anna Baldassarri.

Continua a leggere
Citywire Italia on Twitter