Banca Fideuram, rimborsi ai clienti del consulente indagato per truffa - Citywire

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati per ottenere accesso illimitato al dabase di gestori di Citywire. La registrazione è gratuita e richiede solo un minuto.

Banca Fideuram, rimborsi ai clienti del consulente indagato per truffa

Banca Fideuram, rimborsi ai clienti del consulente indagato per truffa

Risarcire i risparmiatori vittime della malafede del consulente nel quale riponevano la più alta fiducia. È quanto farà Banca Fideuram con i risparmiatori affidati a un advisor di Lamezia Terme, accusato di aver distratto somme di pertinenza dei clienti per almeno quattro milioni di euro.

Si tratta di Vincenzo Torchia, 48 anni, originario di Lamezia Terme e iscritto all’Albo dei consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede (delibera n.8925) dal 13 dicembre 1994.

Il caso di Torchia è stato portato alla luce nella puntata del programma televisivo ‘Mi Manda Rai Tre’, andata in onda il 28 novembre 2016, con testimonianze di alcuni correntisti di Banca Fideuram e dell’avvocato difensore Domenico Villella, che ha spiegato come “Torchia non contabilizzava, ma operava con i loro investimenti senza specifiche disposizioni. Utilizzava anche firme false, come quella del padre di un cliente che però era già deceduto da cinque anni”.

Le dinamiche della vicenda

Una vicenda, quella scoppiata lo scorso autunno, che ha fatto aprire un fascicolo di indagine per truffa aggravata e continuata da parte della Procura di Lamezia Terme, sul quale sta ora indagando la Guardia di finanza, che il 23 settembre scorso ha perquisito lo studio e l’abitazione privata di Vincenzo Torchia alla ricerca di riscontri alle denunce presentate.

Dopo averlo sospeso per due settimane a dicembre 2015, Banca Fideuram ha risolto il contratto di agenzia che aveva con Torchia il 20 settembre 2016, quando gli ammanchi nei conti dei clienti lametini stavano venendo alla luce.

Dagli accertamenti effettuati da Banca Fideuram tramite telefonate ai correntisti seguiti da Torchia – con cui i funzionari dell’istituto hanno chiesto informazioni sulle somme investite, invitando i clienti a recarsi urgentemente in ufficio – risulta che i risparmiatori truffati siano 106.

Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Il Velino, ripresa dal sito Catanzaroinforma, Banca Fideuram avrebbe formulato una proposta di indennizzo ai correntisti della filiale di Lamezia Terme che hanno scoperto gli ammanchi, pari al rimborso del 50% del capitale versato e non andato a buon fine, esclusi gli interessi. A essere risarciti saranno coloro che, ritenuti idonei a essere rimborsati, potranno esibire un resoconto documentato del capitale versato.

Adesso si attende l’approvazione da parte delle vittime della truffa, che hanno sporto denuncia presentando la relativa documentazione. Sono in calendario una serie di incontri con gli avvocati della banca, il prossimo dei quali è previsto per il 15 gennaio.

Scrivi un commento

Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.